love-sicilia-002  love-sicilia-003 love-sicilia-001   

 

I MAESTRI DELLA LAVA

26 Novembre 2007

La lavorazione della pietra lavica dell’Etna nei paesi Etnei . Artesole di Giarre e il tavolo dei Giarresi Alla Casa Bianca.
L’oro dell’Etna ha il fascino della riconquista. Il Gigante divora terreni, case, lembi di mare, scatenando fiumi di mamga che l’uomo pazientemente trasforma in occasioni di lavoro e reddito. Tanta magia è racchiusa nella pietra lavica: quel che era fuoco, raffreddato dai secoli, diventa basolato per costruire e pavimentare, ma costituisce anche materia prima per scultori e decoratori. Un’arte che spiega il rapporto intenso, addirittura affettuoso, che intercorre da sempre tra i catanesi e il Mongibello. Appunto, il “monte bello” che malgrado tutto merita di essere amato.

Secondo fonti della Camera del Commercio, sono quasi un centinaio in provincia di Catania le aziende che lavorano il basalto etneo esportando , poi, in tutto il mondo le loro creazioni.”Usa, Canada, Singapore, Australia e ovviamente Europa”. Mercato in crescita, quello della pietra lavica. Particolarmente negli ultimi due o tre anni – riferiscono gli specialisti del settore – dopo una crisi legata all’avvento dell’euro ma anche a scelte di materiali che si sono rivelate perdenti. Paradossale che, malgrado tanto nome, persino la strada per eccellenza dei catanesi – via Etnea - sia stato per lungo tempo lastricata con cubetti di porfido, Adesso, li come altrove , è tornato il basolato:”Chi cambia la vecchia per la nuova …. Quei blocchetti alle prime piogge si staccavano, comunque avevano una vita media di 10 o 12 anni contro i 20, persino i 40, del semilavorato etneo”. Bisogna fare i conti con la concorrenza cinese: “Ci sono anche loro, ma sotto il profilo qualitativo non solo Catania e la Sicilia, ma tutta l’Italia è di gran lunga superiore alla concorrenza mondiale. Questo è il Paese delle pietre naturali. Il solo problema è che noi siamo frenati nelle esportazioni, mentre il governo cinese aiuta i propri produttori. E, poi bisogna anche fare i conti con il costo della manodopera. Insomma, noi abbiamo fornito pietra lavica in tutto il mondo a privati ed enti pubblici ma soltanto quando le commesse sono state davvero grosse, per migliaia di metri quadrati di materiale. Diversamente, sarebbe stato antieconomico farlo.

Un elemento distintivo, l’Etna. Oltre che una risorsa formidabile. Non è casuale che, proprio grazie al vulcano, l’amministrazione provinciale catanese abbia avuto accesso al progetto europeo “Local Distinctiveness” mentre ventuno Comuni – da Zafferana a Sant’Agata Li Battiati, a Piedimonte – hanno dato vita al “Distretto della lava” che vede tra i capofila il Comune di Belpasso. L’intenzione è quella di sperimentare come l’unione faccia la forza, persino in Sicilia che è terra di esuberanti individualità e precari sodalizi. Potrebbe risultare più facile, cosi superare gli ostacoli di mercato nella promozione e commercializzazione di “basole”, “cordoli” e “bolognini” in basalto per strade e piazze. Marciapiedi e muri, L’offerta, però, non finisce qui. Prodotto di nicchia è la pietra lavica con quelle pitture a smalto su lava che rappresentano un bel connubio artistico tra la forza della materia prima e la grazia della rappresentazione d’autore. Prova ne sia monumentale tavolo con stemma – aquila compresa – creato appositamente da Giuseppe Sorbello, talento giarrese di “Artesole”, per il presidente degli Stati Uniti, George Bush. Un “piccolo omaggio”, pesante 150 chili che decollò per Washington nel 2002 dalla base militare di Sigonella nella ricorrenza della strage dell’undici settembre e che – come sottolinea Sorbello – è “ancora oggi conservato alla Casa Bianca.”
Non di soli tavoli presidenziali, comunque, si compone la proposta di “Artesole” che usa la pietra lavica per produrre, tra l’altro, cucine artistiche, Imponenti e funzionali.

casale-001  casale-002  casale-003 

casale-004  casale-005

“IL MIO CASALE”  Giugno 2007

cucina-muratura-2  cucina-muratura

“LA CUCINA IN MURATURA”

radiocorriere-001  radiocorriere-002

“RADIO CORRIERE TV” 3 Gennaio 2007

1  2 3

4  5

“D A”  23 Marzo 96

casa24

Cucine in muratura oltre le mode grazie ad artigianalità, materiali e cura dei dettagli
casa24.ilsole24ore.com Cucine in muratura oltre le mode grazie ad artigianalità, materiali e cura dei dettagli
Cronologia articolo di Enza Moscaritolo
3 Marzo 2014

Un classico che resiste alla crisi. Il fascino delle cucine in muratura rimane immutato, va oltre le mode, si aggiorna e riscuote apprezzamenti sia in Italia che all'estero. Che siano di ispirazione provenzale, country o shabby chic, le suggestioni che una cucina in muratura sa evocare si richiamano prepotentemente allo stile italiano tradizionale, in cui la cucina rimane saldamente al ruolo di cuore pulsante della casa e degli affetti. I riferimenti alla casa di campagna e all'arte povera sottolineano un ritorno alle origini che recupera valori come la semplicità, l'amore per la natura e l'armonia.

GALLERY

In Toscana il cuore delle cucine in muratura: rustiche ed assieme raffinate

È in Toscana che questo stile ha preso vita tra gli anni Cinquanta e Sessanta: l'esperienza artigianale e la saggezza secolare dei contadini nella realizzazione delle cucine di campagna diventano processo industriale, pur riuscendo a conservare le peculiarità della personalizzazione e dell'unicità della realizzazione. Le sue principali caratteristiche, nonché punti di forza, sono i piani di lavoro rivestiti da piastrelle in ceramica - igieniche e resistenti - e i moduli in muratura intonacata che le conferiscono solidità e quel tipico effetto rustico. Tinte neutre o pastello, unite al calore del legno e alla cura dei dettagli e delle finiture completano l'atmosfera di un'emozione antica, dove gli elettrodomestici si inseriscono in maniera discreta.

Tra le prime aziende a intuire le potenzialità di questo genere di nicchia, la Zappalorto di Monte San Savino, in provincia di Arezzo, che ha puntato sulla territorialità e sulla "toscanità", declinando la cucina in muratura in un'ampia varietà di modelli e colori. Nella collezione 2013-2014, ad esempio, "Savina di oggi", nelle versioni bianco e rosso rinascimento, propone l'effetto frattonato del muro color panna e il piano in ceramica nella nuance tortora, con bordo legno chiaro, e linee raffinate ed eleganti. Accompagna questa collezione di cucine una linea bagno dedicata con le stesse finiture della cucina.

Nel distretto senese, altra importante area di produzione delle cucine in muratura, Aurora Cucine di Poggibonsi valorizza la componente materica: «Tra i materiali che non possono mancare c'è sicuramente il legno di castagno per realizzare le ante delle cucine in muratura – spiega Franco Grassini, direttore commerciale dell'azienda che oggi vede all'opera anche la terza generazione della famiglia dei fondatori – mentre per le ceramiche, fino a qualche anno fa, ci approvvigionavamo dalle aziende del salernitano, vietrese o del trevigiano. Oggi, a causa della crisi, molte di queste hanno chiuso, purtroppo. In passato la nostra produzione era composta solo da cucine in muratura, adesso diversifichiamo anche su altre tipologie». Nell'ultima collezione, il modello Iris di Aurora, con l'anta in massello di castagno spazzolato, colore tabacco (disponibile anche in bianco e grigio) e materiali come il cotto, la graniglia, la ceramica smaltata a mano, esalta il country in versione "agreste-toscano".

Anche un brand come la Scavolini, storicamente orientato verso altri stili, contempla in catalogo il modello Cora, ispirata agli stilemi provenzali, ma che non rinuncia alla versatilità della cucina moderna. Qui sono proposti due sistemi in muratura: "provenza" (disponibile nelle due versioni "intonaco" o "rustico") che offre la possibilità di realizzare progetti personalizzati come nicchie, vani a giorno e ripiani a misura d'ambiente e il sistema "contea" (con rivestimento di piastrelle in grès porcellanato) che tende a valorizzare ed esaltare soprattutto le aree di maggior uso della cucina.

Top in pietra lavica maiolicata sono, infine, la peculiarità della lavorazione artigianale dell'azienda siciliana Artesole di Giarre, in provincia di Catania. Giuseppe Sorbello cura la produzione delle cucine in muratura con pazienza certosina, creando decorazioni che richiamano l'esplosione gioiosa di colori forti di quella zona: «Riproponiamo lo stile delle tipiche cucine siciliane di un tempo – racconta Sorbello che collabora con il figlio Gianvito, e ha 20 dipendenti – la pietra lavica, tipica delle nostre parti, ha una resistenza superiore al granito, è un materiale eterno in quanto antimacchia e antigraffio. Il nostro è un lavoro artigianale, con decori fatti a mano da maestranze specializzate».

fair-deil

“THE TIMES” - Malta - 27 Giugno 2012

times-1
times-2

“THE TIMES” - Malta - 27 Giugno 2012

NOVITA’
“Le Cucine d’Arte” in finta muratura Smontabili

L’Azienda Produce le più belle Cucine Artistiche – Artigianali personalizzate, su misura dell’ ambiente anche su progetto del Vostro Architetto.
L’Azienda collabora attivamente con Architetti, Ingegneri, e tecnici del settore, nel costruire ambienti Cucine personalizzate e uniche.
L’Azienda realizza anche Ambienti bagni personalizzati.

I Top delle Cucine e dei bagni sono indistruttibili realizzati in Pietra Lavica Maiolicata, quindi sono igienici, ecologici, naturali e inattaccabili da qualsiasi prodotto, compreso l’acido.

Tutti decori vengono eseguiti rigorosamente a mano uno ad uno, quindi ogni lavoro è unico.
L’Azienda realizza anche Arredo Giardino e arredo Urbano in Pietra Lavica.

"The Kitchens of Art" Detachable faux brick

The company produces the finest Artistic Kitchens - Handcrafted custom tailor of 'environment even on your project Architect.
The company works closely with architects, engineers, and technicians, in building custom kitchens and unique environments.

The company also manufactures custom bathroom environments.
The Top of the Kitchens and bathrooms are made of indestructible lava stone tiled, then they are hygienic, ecological, natural and unaffected by any product, including the acid.

All decorations are made by hand one by one, so every job is unique.
The Company also manufactures furniture and Garden Furniture Urban Lava Stone.

times-3 times-4
“THE TIMES” - Malta - 27 Giugno 2012

catania-2
“LA SICILIA”    25 Maggio 2012

la-sicilia
“IL GIORNALE DI SICILIA”30-03-2014

catania

“LA SICILIA”   1° Aprile 2014

Questo sito o gli strumenti di terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.